Erta-Ale - Luigi Rusconi
17159
page-template-default,page,page-id-17159,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Tracking al vulcano Erta-Ale (Etiopia)

28 dicembre 2014

Adele, Ilaria, Enrico, Luigi, Abita

Pista desertica impolverata e caldissimo.

Sosta a Kursawat dove pranziamo in una capanna con molto caldo e tanta polvere; si noleggiano i cammelli e la security. Continuazione del viaggio per il vulcano su una pista di lava.

Arriviamo in un altro accampamento e aspettiamo all’ombra di una capanna l’ora per partire.

Partenza a piedi per il vulcano alle 17. Iniziamo la salita con ancora il caldo fino a quando non cala il sole alle 18,30; faticosa. Arriviamo dopo 2 ore e 30 minuti circa. Luna piena

C’è un piccolo accampamento fatto di capanne di pietra con e senza tetto noi dormiamo in quelle senza tetto per poter ammirare le stelle.

Andiamo subito sul cratere e quello che vediamo è spettacolare.

Siamo proprio sulla cima sotto di noi a pochi metri c’è la lava si capisce perché il terreno è caldo, ma la cosa più bella e impressionante è vedere a pochi metri il magma che si muove in continuazione con piccole (per fortuna) eruzioni, a pochi passi da noi, con un colore accesso è ipnotizzante. Nonostante la fatica per arrivare sia a piedi che in macchina, vale sicuramente la pena!

 

Partiamo dalla cima del vulcano alle 4 del mattino per fare la discesa prima del sorgere del sole.